giovedì 20 ottobre 2016


Isla Margarita : da Colombo ai nuovi Spartani

Nel 1498, Cristoforo Colombo scoprì l'isola Margarita. I nativi locali, chiamati Guaiqueries, ricevettero a braccia aperte i conquistatori, ignari del fatto che successivamente sarebbero stati convertiti in schiavi dalla propria stessa ricchezza.

Gli spagnoli notarono le perle che gli indigeni usavano come ornamento. Un anno dopo vennero scoperti banchi di ostriche nella zona che oggi è conosciuta come Nueva Esparta e alla fine del 1500 sull'isola di Cubagua, venne fondata la prima città spagnola del Sud America: Nueva Cadiz.

Le perle rappresentarono almeno un terzo di tutto il tributo alla Corona Spagnola dal Nuovo Mondo. L'isola Margarita dovette essere fortificata contro i crescenti attacchi dei pirati, e molte di queste fortificazioni rimangono tuttora.
Nel passato gli indigeni erano costretti a tuffarsi per cercare le perle. Gli abusi e l'avidità degli spagnoli decimarono la popolazione della zona. Nel 1528 le perle vennero scoperte sull'isola di Coche. La produzione di perle a Cubagua invece continuava a diminuire e i suoi abitanti si trasferirono a Cumana e a Margarita.

Nel dicembre del 1541, un maremoto distrusse completamente la città di Nueva Cadiz, che è rimasta disabitata dal 1548.
Nel 1561, l'isola fu saccheggiata da Lope de Aguirre, un famoso violento e ribelle conquistador che tenne gli isolani nel terrore fino al suo ritorno nella terraferma in un tentativo di sottrarre Panama alla Corona spagnola.
Nel corso della storia Margarita, come le altre isole caraibiche, ha subito diversi attacchi da parte dei pirati. L'esistenza di parecchie fortezze sull'isola testimonia le quattordici incursioni avvenute.




Oggi è possibile visitare molte di queste fortezze: il Fortin de La Galera a Juand Griego, il Castillo de Santa Rosa a La Asuncion e il Castillo de San Carlos Borromeo a Pampatar.





Nel 1814, gli isolani combatterono con successo per l'indipendenza dalla Spagna, e l'Isola Margherita divenne il primo territorio libero del Venezuela. Fu nell'isola che Simón Bolívar, chiamato successivamente Libertador, fu confermato come Comandante in capo della nuova repubblica, la Grande Colombia. Da qui, iniziò a liberare Venezuela, Colombia, Perù, Ecuador e Bolivia dal dominio spagnolo.
Durante la guerra d'indipendenza venezuelana contro la Spagna, Nueva Esparta ricoprì un ruolo fondamentale. Questo stato deve il suo nome all'eroismo dimostrato dai suoi abitanti che venne paragonato a quello dei guerrieri e soldati di Sparta, nell'antica Grecia.

Nessun commento:

Posta un commento